sabato 30 ottobre 2010

Aspettando Halloween...

Anche noi stiamo aspettando domani per festeggiare Halloween, accendere candele, mangiare dolcetti e stare tutti insieme. In questi giorni si sente spesso parlare male di questa festività, non considerata dalla Chiesa perchè pagana. Io, che nonostante abbia un mio credo religioso non propriamente legato alla Chiesa, trovo questa festa molto carina e divertente, si possono fare tanti lavoretti con i bimbi, utilizzando anche materiale di riciclo e non spendendo per forza tantissimi soldi. E' un modo per organizzare feste, condividere bei momenti con gli amici, insegnare ai bambini il corso delle stagioni e le varie festività legate al calendario. E poi magari da noi non si chiamerà Halloween ma Ognissanti che nelle varie regioni d'Italia si è sempre festeggiato in modalità più o meno simili ad Halloween: accendendo candele e lanterne, preparando dolci e in alcuni posti c'era pure l'usanza di travestirsi per spaventare le anime dei morti che tornavano nei loro luoghi.
Non mi interessa cosa dicono gli altri..io non insegno il lato consumistico della festa a mio figlio..è una festività come un altra sul nostro calendario e noi la festeggiamo! Per questo sono molto d'accordo con il post scritto oggi da Claudia.
Nell'attesa di andare a festeggiare domani con i nostri amici, stasera vi posto due ricettine (questa settimana sono in fissa con la cucina!)

IL PURE' DI LENTICCHIE:
- 1 tazza di lenticchie rosse decorticate
-3  tazze di acqua
-1 cipolla
- un po' di curry

Far cuocere in una pentola le lenticchie per circa una mezz'oretta finchè l'acqua non si asciuga. Intanto tagliare la cipolla finemente e soffriggerla, poi aggiungere del curry e continuare con il soffritto. Rendere le lenticchie una poltiglia schiacciandole con una forchetta e incorporarle al soffritto. Mescolare e farle saltare un po'.
 CHAPATI:
- Farina atta o farina integrale (che è la più simile a quella indiana)
- Acqua calda  q.b.
- 1 1/2 cucchiaio di ghi (burro chiarificato fuso)
- sale 1 cucchiaino

Setacciare la farina integrale in maniera tale che un po' di crusca venga via. Porre la farina su di una superficie formando una fontanella e porre in mezzo il ghi fuso e il sale.
 Io il ghi l'ho trovato alla Biobottega, quindi penso si trovi in tutti i negozi di alimenti naturali
Impastare ben bene (la farina integrale è un po' dura!). Tagliare dei pezzetti di pasta e formare tante palline. Stendere ogni singola pallina con un mattarello infarinato in maniera tale da ottenere dei cerchi di sfoglia sottile. Imburrare una padella con il ghi e friggere le chapati. Io ne ho fritte alcune con il ghi altre con l'olio evo. Il gusto cambia ed è sicuramente più particolare quello del ghi!


Naturalmente io ho sempre un aiutante d'eccezione;)))
Buona fine di preparativi a tutte!

5 commenti:

Pollon72 ha detto...

E' vero, la notte di Ognissanti si festeggia in maniera diversa ma simile a quella di Halloween! Qua in Romagna ad esempio si usa preparare o comprare, proprio in questo periodo, la piadina dei morti. (non si fa in altri periodi dell'anno e non la si trova nei forni). Non ha nulla a che vedere con la piada. E' una specie di focaccia leggermente dolce, coperta di noci, pinoli, a volte all'interno c'è dell'uvetta.

valentina ha detto...

Anche in Toscana si usa una cosa simile..il pan co'santi...a base di uvetta, noci e pinoli...
io sono di Torino ma il mio papà e toscano...e quasi tutti gli anni faccio questo pane in casa;)))

Pollon72 ha detto...

Che peccato che queste tradizioni si stiano perdendo con il tempo. Se ne sente parlare sempre meno...

valentina ha detto...

Eh sì..hai proprio ragione..sta a noi, nel nostro piccolo, insegnarle ai bimbi a portarle avanti...
Buon halloween cara e un baciotto al tuo bimbo!!

Daniela ha detto...

Le tue ricette mi fanno venire sempre una fame..sono strepitose!! :-) e poi il cibo indiano é il mio preferito!buona festa Vale e un bacino a Tommy :-)
ps lo sciroppo di lavanda é venuto alla fine?