lunedì 3 maggio 2010

A proposito di educazione...e di conti a fine mese..


Ormai sono mesi, già da quando ero incinta, che leggo blog e articoli vari sulla pedagogia steineriana e montessoriana. Poi a darmi lo spunto per questo post è stato quello di Daniela di qualche giorno fa. La sua domanda è molto interessante e ha scatenato un bel dibattito. Lei si chiede come si faccia ad essere così puristi da vivere in modo totalmente bio ed equosolidale.
Dal canto mio trovo che i prodotti bio siano commercializzati ad un prezzo più elevato di altri e non sempre è possibile fare una spesa completamente tale, ne influirebbe troppo sul bilancio famigliare. Bisogna optare per delle scelte.
Io e Fabio lavoriamo tutti e due. Lui ha un lavoro full time a tempo indeterminato come meccanico, io lavoro part time a tempo indeterminato in un negozio di belle arti. Ci riteniamo fortunati, nonostante le tante spese, il mutuo riusciamo ancora a toglierci qualche sfizio (per ora!)
per quanto riguarda la nostra famiglia ecco che cosa faccio per essere il più equo solidale possibile e per evitare sprechi e vivere in un modo semplice (anche se, come dicevo a Daniela non sono proprio downshifter..)
-Abbiamo una sola macchina, io odio guidare e fortunatamente lavoro vicino a casa; inoltre un secondo bollo sarebbe troppo caro per noi. Fabio ha una jeep che normalmente consumerebbe molto ma va a gas e poi è un 'auto storica e quindi paga un bollo molto basso. Le riparazioni, va da sè, dato che è un meccanico, le fa tutte lui.
-La frutta e la verdura la acquistiamo al mercato. Non ho un banco di preferenza ma giro molto e guardo i prezzi e la qualità della merce. Mi faccio i km anche con Tomino nella carrozzina ma devo dire che non è una fatica, mi piace!
-Quando ho tempo, faccio il pane, i biscotti e lo yogurt in casa ma proprio quando ho tempo..
-Non uso detergenti totalmente ecologici perchè li trovo piuttosto cari ma cerco di usare quelli a base di sapone di marsiglia (sgrassatori, liquido per la lavatrice..). Uso molto il bicarbonato a volte l'aceto (ad es. per i vetri)
-Faccio la raccolta differenziata, già molti anni prima che divenisse obbligatoria
-I vestiti per me e Tommi li acquisto quasi sempre al mercato. Lì si trovano tantissime buone occasioni per vestire i bambini bene senza spendere grandi cifre!
-Alcuni prodotti alimentari li acquisto alla Biobottega, soprattutto adesso che per l'allattamento devo seguire una dieta speciale perchè Tommy ha la dermatite e io non posso mangiare latte, latticini, uova ecc e quindi devo ripiegare su tofu, seitan, biscotti senza uova, latte di riso o avena
-Per la cura del corpo uso prodotti specifici solo se ce n'è bisogno. In questo momento do' la precedenza a tommy e ai suoi problemi di pelle ma di solito per lui uso sapone liquido di marsiglia e il buon vecchio olio di mandorle che spalmo anche sulla mia pelle.

Oggi, poi, pensando alla futura educazione di Tommy, sono andata a vedere il sito di un asilo che hanno da poco aperto vicino a casa mia. Si chiama "la vita al centro" ed è un asilo biocentrico incentrato cioè sui principi della biodanza. In realtà è molto più steineriano di quello che pensavo ma queste sono solo definizioni teoriche...
In pratica in questo tipo di educazione si mette al centro l'esperienza del bambino, che con le diverse attività manuali esplora e conosce il mondo. Infatti sono previste attività come il giardinaggio, l'impastare il pane, il disegno, la manipolazione dei materiali come la cera d'api, la lana cardata..tutte cose che neanche a casa riuscirei a fargli fare..e inoltre i costi sono abbastanza contenuti. Si da' molta importanza alla connessione con la natura, al rispetto del bambino che non deve solo partecipare ad attività proposte dagli adulti ma anche trovare dei momenti per dedicarsi al gioco libero importante per il suo sviluppo e la sua creatività. Viene data la possibilità a parenti e genitori di partecipare al pomeriggio a dei corsi di gruppo per poter stare vicino ai bambini e io questo lo trovo una cosa fantastica!A volte a causa del poco tempo facciamo poche cose con i nostri figli..già da adesso cerco di sfruttare il tempo a disposizione (visto che sono a casa in maternità) per fare tante cose con Tommy in maniera tale che gli possano rimanere...
E poi l'ambiente di questo asilo è molto confortevole (ho visto le foto sul sito). E' tutto molto colorato, con i pavimenti e i mobili in legno, tutto molto semplice ed essenziale, i giocattoli sono steineriani (ho intravisto nelle foto delle bambole waldorf).
Insomma ci sto facendo un pensierino...

3 commenti:

Daniela ha detto...

La scuoletta x Tommy sembra molto bella! :-)mi fa piacere anche che con i mio post ho suscitato altri scritti e altre riflessioni qua e là nel web!

Cicabuma ha detto...

Interessante questo asilo. Facci davvero un pensiero!!!
Quando dovresti tornare al lavoro???
Un abbraccio
Francesca

Mamma C ha detto...

parrebbe molto interessante questo posto.. dacci poi news.. :)